ADESIONI

Associazione Italiana dei Professionisti per la Sicurezza Stradale

 

Adesione dal gennaio 2015

Associazione Italiana per l’Ingegneria del Traffico e dei Trasporti

 

Adesione dal gennaio 2017

segnal - ETICA

I dati ISTAT 2017, riferiti all’anno 2016, rivelano un dato molto significativo che può essere ricollegato alla cattiva segnaletica stradale.

Nel prospetto che riassume le “cause accertate o presunte di incidente per categoria della strada” figura infatti che l’utente “procedeva con guida distratta o andamento indeciso”.

La strada deve garantire la libertà di spostamento per tutti (principio garantito dall’articolo 16 della Costituzione Italiana oltre che dal Principio Comunitario di cui ai punti 1 e 2 della Direttiva 2004/38/CE) e impone che ci siano degli elementi che lo permettano. La segnaletica stradale è uno di questi elementi e per questa ragione è importante sia efficiente.

Una cattiva segnaletica porta ad indecisioni ed è una delle cause dei sinistri, basti pensare ai segnali di indicazione confusi, illeggibili o installati in posizioni scomode, oppure si pensi alla selva di segnali incoerenti e contraddittori che vediamo ogni giorno.

In Italia UN segnale SU DUE non è a norma. Un’analisi compiuta sul parco segnaletico nazionale ha evidenziato infatti che la segnaletica spesso non corrisponde graficamente alle figure previste dalle norme e non è di facile lettura (oltre agli altri elementi che la rendono non a norma come la mancata rifrangenza, la vecchiaia dei segnali e l’incoerenza nelle informazioni trasmesse).

C’è la necessità di capire, ancora una volta, che la segnaletica è una lingua e proprio perché attraverso essa si trasmettono le indicazioni e le informazioni necessarie per potersi muovere in sicurezza è necessario che venga parlata in modo chiaro, sintetico, semplice.

Deve essere pianificata e progettata con criteri razionali, controllata e tenuta in ordine per poter garantire sicurezza e confort adeguati a tutti gli utenti, con particolare occhio di riguardo all’utenza debole.

Progettiamo e creiamo soluzioni per la segnaletica

SEGNALETICA STRADALE

  • progettazione e impaginazione grafica della segnaletica
  • progettazione degli impianti
  • redazione di piani di segnalamento
  • censimento, catasto e riordino della segnaletica
  • consulenza tecnica, educazione e formazione

SEGNALETICA TURISTICA

  • progettazione di segnaletica per parchi, centri storici, ecc.
  • progettazione di segnaletica per strutture ricettive
  • progettazione di sistemi di orientamento per spazi all’aperto

WAYFINDING

  • analisi e studio dei flussi di percorso
  • analisi dello spazio e degli arredi
  • progettazione della segnaletica e dei pittogrammi
  • realizzazione di piani di segnalamento
  • progettazione di impianti informativi
  • studio di mappe e infografiche
  • realizzazione di sistemi di orientamento
  • environmental signage
progettazione della segnaletica
100%
piani di segnalamento
100%
censimento e catasto della segnaletica
100%
consulenza tecnica
95%
educazione e formazione
80%
segnaletica turistica
95%
analisi degli ambienti
85%
design segnaletica e pittogrammi
95%
progettazione dei piani di segnalamento
90%
mappe e infografiche
90%

CENSIMENTO E CATASTO

 

Il catasto della segnaletica è lo strumento che permette agli Enti proprietari di conoscere quanti e quali impianti sono presenti lungo la rete viaria di propria competenza ed in quale condizioni essi si trovino, per garantire l’efficienza della segnaletica, predisporre verifiche e ripristini.
Con un catasto aggiornato sarà possibile pianificare e programmare manutenzioni ordinarie per la tenuta di una segnaletica efficiente e rispondente ai requisiti richiesti dalla legge.
La tenuta del catasto da parte dell’Ente proprietario della strada è un obbligo previsto dalle norme vigenti.
Un intervento per la realizzazione o l’aggiornamento del catasto prevede:

  • rilievo manuale della segnaletica attraverso un software in grado di registrare le caratteristiche tecniche e fisiche di ogni impianto e dei segnali
  • verifica delle rispondenze alla normativa (verifica del marchio di fabbricazione sul retro, anno di fabbricazione, estremi dell’ordinanza sui segnali di prescrizione)
  • rilievo fotografico dell’impianto
  • collocazione dell’impianto su apposita cartografia

Per ogni singolo impianto il censimento riguarderà il tipo di impianto, la data del rilievo, l’esatta ubicazione con riferimenti, il posizionamento e la fotografia dell’impianto.

Per ogni singolo segnale risulterà la data del rilievo, tipo di segnale e del supporto, le caratteristiche della pellicola, le dimensioni del segnale, il produttore e l’anno di fabbricazione, l’anno di scadenza della pellicola, lo stato di conservazione, l’altezza di installazione e conformità alla normativa, il numero e data dell’ordinanza dove previsto e la fotografia del segnale.

RIORDINO E PIANO DELLA SEGNALETICA

 

Una delle cause dei sinistri stradali è da ricercarsi nella cattiva segnaletica.
Da una segnaletica mal progettata, complessa, pesante o contraddittoria (specialmente nelle zone di decisione), deriva una condotta insicura ed incerta da parte dell’utenza con conseguenze negative sulla sicurezza e sulla mobilità.
Un’eccessiva segnaletica, inoltre, tende ad essere ignorata e perdere credibilità.

Il piano è lo strumento per intervenire sulla sicurezza stradale, serve per comunicare e chiarire le regole di comportamento e rendere chiara l’organizzazione degli spazi stradali. La normativa prevede l’obbligo di dotarsi di un piano di segnalamento anche per i comuni con meno di 30.000 abitanti, attraverso uno specifico progetto.

Il piano della segnaletica consente di:

  • organizzare il traffico in relazione alle destinazioni
  • indicare e valorizzare i luoghi turistici con una segnaletica generale, turistica e ambientale
  • creare una gerarchia di informazioni da fornire
  • strutturare una rete di aste e nodi
  • rendere sicuro, scorrevole e informato il traffico di attraversamento
  • alleggerire in sicurezza il traffico locale separandolo da quello di attraversamento
  • ridurre i sinistri attraverso una corretta indicazione nelle intersezioni ed i percorsi lineari
  • portare benefici per la fluidità e la sicurezza
  • ridurre le emissioni inquinanti

WAYFINDING and ENVIRONMENTAL SIGNAGE

 

Il wayfinding è spesso confuso con la segnaletica ambientale. La segnaletica ambientale è solo uno degli aspetti del wayfinding che, in realtà, è qualcosa di più articolato e complesso e che prevede:

  • l’analisi e lo studio dei flussi di percorso
  • l’analisi dello spazio e degli arredi
  • la progettazione della segnaletica e dei pittogrammi
  • la realizzazione di piani di segnalamento
  • la progettazione di impianti informativi
  • lo studio di mappe e infografiche
  • la realizzazione di sistemi di orientamento

I luoghi nei quali è utile realizzare un intervento sono molteplici ma in linea generale si possono riassumere in spazi aperti al pubblico, ed in modo particolare:

  • parchi
  • centri storici
  • percorsi cittadini
  • percorsi ciclabili
  • stazioni
  • aerostazioni
  • metropolitane
  • strutture ricettive
  • ospedali
  • musei
  • cittadelle universitarie
  • impianti sportivi

PROGETTAZIONE TECNICA DELLA SEGNALETICA

 

La progettazione dei segnali viene realizzata con software di grafica vettoriale specifici, ed i file forniti sono pronti per la realizzazione della segnaletica (stampa serigrafica o taglio delle pellicole).

Tutta la segnaletica stradale progettata è conforme a quanto previsto dalla normativa, con l’utilizzo dei simboli e degli alfabeti previsti dal Regolamento di Esecuzione e di Attuazione del Nuovo C.d.S. (D.P.R. n. 495/92).

Il team di studio di progettazione grafica è in grado di realizzare infografiche, planimetrie e mappe cartacee o digitali.

Vengono utilizzati diversi software, in particolare:

CorelDRAW
100%
AutoCAD
100%
Adobe Photoshop
90%
Adobe Indesign
80%
Adobe Illustrator
70%

"Complicare è facile, semplificare è difficile.
Per complicare basta aggiungere tutto quello che si vuole: colori, forme, azioni, decorazioni, personaggi, ambienti pieni di cose.
Tutti sono capaci di complicare.
Pochi sono capaci di semplificare."

BRUNO MUNARI

Proposte e offerte

Consulenza

Consulenza

Consulenza tecnica rivolta a Professionisti, Enti, Pubblica Amministrazione, Funzionari ed Operatori di Polizia.

Collaborazione

Collaborazione

Collaborazione con Aziende di segnaletica, con supporto tecnico e grafico sia a distanza, sia in sede, sia nei cantieri.

Formazione

Formazione

Formazione tecnica, educazione stradale (con particolare attenzione ai bambini). Giornate studio organizzate da Associazioni Professionali.

Infografica

Infografica

Progettiazione di ogni sistema di informazioni, con studio di grafica e comunicazione visiva su misura.

Verifica e controllo

Verifica e controllo

Verifica e controllo di tutto ciò che è presente sulle strade, per segnalare difformità, disservizi e situazioni pericolose.

Blog

Semaforo verde per il “countdown”

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI
DECRETO 27 aprile 2017

Caratteristiche per omologare e installare dispositivi finalizzati a visualizzare il tempo residuo di accensione delle luci dei nuovi impianti semaforici. (17A04061)

(GU n.140 del 19-6-2017)

Read More

Incidente stradale senza cartello di stop: di chi è la colpa?

Concorso di colpa se non c’è la prova di una netta responsabilità tra i due automobilisti; il Comune non è responsabile per non aver apposto la segnaletica con lo stop se il pericolo era evidente.

Quando manca la segnaletica stradale, le regole sulla responsabilità per l’incidente stradale sono quelle previste, in linea generale, dal codice della strada.

Read More

Preavviso con TROPPO preavviso!

Ho trovato questa foto tramite google (non chiedetemi la fonte, dovrei andare a cercarla nuovamente).

Ci sono alcuni errori ma ce n’è uno molto molto più grosso di tutti gli altri messi insieme. Vediamolo:

Read More

Il falso mito degli attraversamenti pedonali colorati

Da parecchi anni capita di imbattersi in attraversamenti pedonali colorati, diffusi in quasi tutti i comuni italiani. È proprio il caso di dire che se ne vedono di tutti i colori, alcuni con fondo rosso, alcuni con fondo azzurro, fino ai più fantasiosi di colore verde o tricolore che richiamano la bandiera italiana.

Read More

Da twitter

partnership

Contattaci

CONTATTI

AVVIA LA CHAT SU SKYPE

Il tuo nome (campo obbligatorio)

La tua email (campo obbligatorio)

Oggetto

Il tuo messaggio

``MIND THE MAP``

Antonio Locci

Antonio Locci

Antonio Locci

Ufficio Tecnico

Dal 2007 mi sono occupato prevalentemente di comunicazione visiva e segnaletica ambientale. Dall'inizio del 2014 mi occupo in modo specifico di tutto ciò che riguarda la segnaletica stradale collaborando con Aziende, personale delle Amministrazioni e di altri Enti proprietari delle strade, curando l'impaginazione della segnaletica, le fasi progettuali, i piani di segnalamento e fornendo consulenza tecnica. Faccio parte di Associazioni Professionali, per un breve periodo ho curato rubriche su periodici online con articoli relativi alla segnaletica e rispondendo a quesiti sul tema. Dal 2015 sono iscritto all'AIPSS - Associazione Italiana dei Professionisti per la Sicurezza Stradale. Dal 2017 ho aderito all'AIIT - Associazione Italiana per l'Ingegneria del Traffico e di Trasporti.